mercoledì 3 settembre 2008

Questo puzzle chiamato "vita"


Lo so,in questo periodo sto dando più libero sfogo ad ogni sorta di pensiero piuttosto che ad argomenti ironici di routine.
A proposito di "routine" ...La vita sembra davvero essere tale.Anche chi è felice ha la propria "routine" di felicità che a lungo andare si trasforma in monotonìa.
Di conseguenza la persona "felice" affetta da "felicità monotona" diventa meno felice e addirittura infelice, finchè non si interrompe nuovamente la monotonia e ritorna ad essere "felice".Insomma,anche questa è una routine fatta di cicli con picchi di felicità-infelicità.
Finchè anche i picchi di felicità-infelicità diventano anch'essi monotoni perchè come tutti i cicli sono prevedibili.
Scusate,forse mi sarò espresso male,ma nella mia mente è come se ogni cosa avesse un senso ed anche un ciclo.
E' possibile trovare delle Leggi Fisiche adatte a governare questo tipo di logica assurda?
Qual è lo scopo della nostra esistenza?
Ognuno di noi ha attorno a se elementi che,se utilizzati nella giusta sequenza, potrebbero renderci davvero felici.
La vità è come un puzzle,abbiamo tutti gli elementi ma bisogna incastrarli nel modo giusto.
Spesso però si cerca di forzare i "pezzi" e farli incastrare a modo nostro.Poi,appena andiamo avanti non facciamo altro che peggiorare la situazione e basta un elemento fuori posto per mandare all'aria tutti i nostri progetti.Peccato che poi è sempre più difficile iniziare tutto da capo perchè il tempo a nostra disposizione diminuisce.
Cerchiamo di riflettere prima di perdere tempo.

La vita è solo un puzzle da comporre giorno per giorno, tassello dopo tassello. È pescarli in quel metro di merda che la rende difficile.(Giorgio Melazzi)

22 commenti:

  1. .. credo che sia insito nella natura umana non !averla mai pari"..

    .. è umano anelare sempre a qualche cosa di diverso..

    .. e ovviamente quando lasciamo la strada vecchia per la nuova.. scopriamo che prima era meglio..

    .. che la monotonia è bella..

    .. solo che a volte spaventa il pensiero di non poter più "esagerare"..

    .. a volte ci terrorizza il fatto di essere .. come dire.. arrivati..

    .. e allora disfiamo il puzzle e lo rifacciamo da capo..

    .. ma il puzzle ha una sola ed unica soluzione.. Se si forzano gli incastri, alla fine devi comunque ricominciare da capo e rifarlo senza "barare"..

    Quindi se si ha la fortuna di azzeccare la soluzione giusta.. si deve lottare contro la tentazione di cercarne altre.. perchè non ce ne sono...

    RispondiElimina
  2. Il mondo è talmente grande che oltre al mare c'è la montagna e oltre alla siepe c'è la pianura.

    Comprati un puzzle più grande e non pensare più a questo che stai costruendo.

    Le cose perse non si trovano più, ma per fortuna il mondo è grande e puzzle da costruire ce n'è a bizzeffe.

    Ciau^^

    RispondiElimina
  3. Sono le domande che accompagnano il genere umano dalla sua comparsa sulla terra...

    E sulle risposte (o su quello che spacciano per risposte) alcuni hanno campato imperi...

    RispondiElimina
  4. ehi da tanto che non ti leggo sempre mi fa piacere farlo^^...

    buona serata bacini

    RispondiElimina
  5. I tuoi pensieri sono ben ordinati. Non temere, li esprimi benissimo ^^
    Ogni tanto fa bene staccarsi dalla routine, il segreto forse sta nel saper rimettere poi il pezzo giusto al posto giusto.
    Se i pezzi del tuo puzzle sono ben ordinati così come lo sono i tuoi pensieri, allora credo che tu sia sulla strada giusta ^^

    RispondiElimina
  6. Vorrei sdrammattizzare la questione se mi e' consentito e se non ti offendi .. vado a memoria ... dice il saggio (Quelo)
    Qui non sappiamo più quando stiamo andando su questa tera, non sappiamo più quando stiamo facendo su questa tera.
    Ti chiedi i chi, i perche' i come mai ... ma la risposta non la devi cercare, la risposta sta dentro di te che pero e' sbagliata!!!!

    Torno serio e penso che la vita sia piu' simile ad un percorso che ad un puzzle, spesso ci si imbatte in strade chiuse o in nuovi itinerari, e puo anche capitare di fare retromarcia ... Il viaggio continua comunque :-)

    RispondiElimina
  7. Vorrei affondare nella routine e nella monotonia, sentirmi al caldo e al sicuro tra le loro braccia. Invece la mia vita non è un puzzle, ma tanti lasciati a metà perchè c'è sempre un puzzle più urgente da completare...

    RispondiElimina
  8. Io penso che ognuno è l'artefice del proprio destino.

    Grande e vaccinata, la persona in genere credo che sappia come,... e cosa può fare per essere felice.

    Basta prendere la vita senza gli spini per la punta,
    basta sapersi accontentare di quello che si ha...
    e quello che si ha, bisogna apprezzarlo tantissimo e goderne in ogni suo aspetto.

    I momenti no, li hanno tutti:
    ricchi e poveri,
    tedeschi e portoghesi,
    belli e brutti...
    bisogna farsi meno seghe mentali, e ridere, ridere, ridere....

    e allora, gente allegra, il ciel l'aiuta.....










    e vissero tutti felici e contenti

    RispondiElimina
  9. ciao jack...ti ricordi di me?
    sono passata per dirti che sono tornata.. :)

    RispondiElimina
  10. credo che tu abbia perfettamente ragione, però ti preferisco più leggero, perché per fare andare i puzzle nei punti giusti ci vuole pure un po' di ottimismo e leggerezza!

    RispondiElimina
  11. Complimenti per il blog, molto bello.

    RispondiElimina
  12. Jack nessuno ti ha detto che le luminarie impediscono una buona lettura?

    RispondiElimina
  13. Sera
    La vita è un puzzle, proprio vero ed è proprio bello quando alla fine del puzzle ti resta un solo tassello, perchè sai che quello, solo quello può completare la tua opera.Io sono un'amante di puzzle e spesso rifetto sulla "vita come un puzzle"quando ho in mano l'ultimo pezzo;tante volte mi vien voglia di non metterlo, perchè in effetti nella vita a parer mio manca sempre un tassello, è impossibile essere soddisfatti pienamente, quindi che senso ha finire il puzzle???
    Ciao

    RispondiElimina
  14. La vita come un puzzle...non fa per me, mi intristisce pensarla così, la vedo come una cosa statica che non mi da entusiasmo. Meglio vederla come un percorso di vita.

    Buon Weekend

    RispondiElimina
  15. Mamma mia che domandone!!!! Nbon saprei rispondere ai tuoi quesiti esistenziali, secondo me nessuno può....e in fondo, il bello è proprio questo. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Io tutte le volte che mi sono messo a fare un puzzle finiva sempre che perdevo uno o due pezzi e quindi mi alteravo,prendevo tutto il lavoro fatto,di 500000 di pezzi,lo smontavo e riponevo nella scatola...e poi incominciavo con un'altro....

    Allegro triste malinconio abituale...Non importa...Basta poi ricominciare ad incastrare i tasselli,e non importa se sia lo stesso puzzle o uno nuovo...
    C.

    RispondiElimina
  17. ...purché l'evasione dalla monotonia non diventi qualcosa di ossessivo ed esasperato, però! Io credo che il cambiamento, l'improvvisazione, la fantasia possono aiutare a spezzare la monotonia di una vita sempre uguale a se stessa... ma non è necessario stravolgere il puzzle per essere felici.

    Un saluto, e buona serata
    Laura

    RispondiElimina
  18. Ma...... sei tornato in ferie ????

    RispondiElimina
  19. @balua: si potrebbe anche risolvere un altro puzzle piu semplice e con meno pezzi,cosi si potrebbe arrivare ad una soluzione anche senza "barare" :D

    @inenarrabile: ma se compro un puzzle piu grande non complico la situazione?Devo trovare il pezzo giusto su migliaia e renderei la mia vita impossibile dato che la soluzione è comunque e sempre una :-|

    @kaishe: eh si,forse risposte non ce ne sono,oppure c'è dentro di noi ma bisogna coglierla ;)

    @vane: grazie,buona giornata ;)

    @francesca: grazie :) Forse sei una delle poche persone che riesce a cogliere ordine e logica nei miei assurdi pensieri :) Ripassa quando e quanto vuoi :) Ciao

    @nyy: certo,ma già avere un po di memoria non è una cosa semplice :D
    Cia,a presto.

    @nabuck: si,mi piace la tua metafora,bisogna sperare solo che i puzzle piu urgenti siano anche quelli piu semplici da risolvere ;)

    @Stefy: hai ragione,spesso tutto si risolve con un sorriso...E se non si risolve abbiamo comunque affrontato il problema con serenità.In fondo non cambierebbe se fossimo tristi,tanto vale sorridere,sorridere,sorridere :)

    @simona: Ciao Simo,certo che mi ricordo:) Bentornataaaaa ,a presto,non scappare piu,eh?;)

    @arabafenice: ottimismo,leggerezza..e perseveranza :)

    @peppe: grazie,passa pure quando vuoi :)

    @stella: basterebbe scorrere il testo e poi si legge comunque ;)

    @Sera: beh,anche omettendo l'ultimo pezzo hai la soluzione in mano. In ogni caso,una bella soddisfazione potrebbe essere quella di incorniciare il puzzle e farlo diventare un bel quadro che è frutto del nostro paziente lavoro per averlo finalmente risolto :)

    @Virgilio: Mi piace la tua osservazione.Vederla come un percorso di vita non è male,però considera che ci sono infinite vie da seguire che a sua volta si dividono in altre infinite strade.Quale sarà il percorso giusto?..Magari quello che si completa con l'ultimo tassello del puzzle :)

    @Simona: hai ragione,è proprio questo il bello :)
    baci..

    @carismatico: dal tuo commento si evince piu il senso della vita piuttosto che lo scopo (almeno da quello che ho inteso io,correggimi se sbaglio).Però devo ammettere che non è male la tua filosofia;)

    @Laura: è vero,anche gli imprevisti fanno parte della vita...:)
    A presto.

    @Stefy: e dai con ste ferie!:D Sono quaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  20. Salute Jack...
    Allora, come va la composizione del puzzle?
    Guarda che qualche volta è il disegno-guida che è sbagliato... e il risultato di ciò che componiamo, anche a fatica, giorno dopo giorno è quello giusto!
    Un abbraccio...

    RispondiElimina
  21. @kaishe: mi sono rimasti gli ultimi due pezzi...Il problema sta nel decidere a quale dei due dare la precedenza,anche se alla fine è ininfluente per completare l'opera.
    Un abbraccio...a presto;)

    RispondiElimina

jackblog

Informazioni su JACK