venerdì 11 giugno 2010

Cos'è la vita? Jhonny sa la risposta.




Jhonny era tornato a casa tardi quella sera. Aveva alzato un pò il gomito tra
quattro chiacchiere e qualche birra con gli amici. Nessuno poteva mai immaginare il suo senso di ripudio verso qualsiasi altra forma di materia animata ed inanimata che sia diversa dagli amici che gli sono stati sempre vicino e dalla bottiglia ormai svuotata senza neanche una minima traccia di malto. Sì, era stanco di tutto e tutti, delle cose che vanno storte e del male comune che, invece di affrontarlo faccia a faccia, lo si accompagna dolcemente alzando il gomito e tracannando senza ritegno (stavolta un pò meno dolcemente).
Con gli amici le cose le vedeva da un punto di vista diverso, un pò meno drammatiche, forse sotto l'effetto di quel nettare frizzantino e spumeggiante che si comincia a bere a -20 °C e lo si finisce con l'ultimo sorso a +95 °C giusto un attimo prima di raggiungere la temperatura di ebollizione.
Tra qualche battuta a doppio senso, o tanto per rendere l'idea anche a doppio malto, escludendo quelle riferite al genere femminile di cui ormai Jhonny aveva generalizzato a modo suo, vedeva le cose a volte semplici e a volte complicate. Insomma, il suo stato d'animo cambiava da sorso in sorso, a seconda di quello che gli passava per la mente in quel momento. Nel complesso però si sentiva felice fuori con gli amici e qualche bionda (e sapete a cosa è riferito) che gli tenevano compagnìa.
Appena tornato a casa però un forte senso di desolazione e di ansia lo assale, come se il mondo lo avesse abbandonato nuovamente e fossero riaffiorati i problemi assieme ai pensieri assillanti. Si sentiva di nuovo in un ambiente ostile, dove doveva arrangiarsi da solo e il silenzio rimbombava dentro la sua testa amplificandone i pensieri negativi. Si buttò a cascamorto sopra il letto, forse aveva fatto appena in tempo a togliersi solamente una scarpa e crollò ronfando a pancia in giù.
Si sveglio dopo un pò, non era ancora l'alba; Mentre era disteso pensava un pò alla serata, pensava che si era divertito con gli amici. Pensava anche a Lei che non c'era più, che ha voluto farsi un'altra vita o continuare per quella che stava facendo. Pensava a Lei che lo aveva già dimenticato così in fretta e che magari in quel momento chissà con quale uomo si trovava, senza magari indagare su quello che stessero facendo. Jhonny non è mai stato un cattivo ragazzo, cercava sempre di stare bene con la sua compagna, magari pensava davvero di sposarla, di starle sempre vicino e di amarla veramente. Questo però non bastava, l'amore con la A maiuscola è qualcosa di indescrivibile e forse Jhonny non ha mai capito quando era innamorato di una ragazza. Quando una persona può definirsi innamorata? L'amore è solo un sentimento legato ad un periodo breve ma intenso? Perchè non può durare a lungo una storia se già due persone si sono amate ? Allora non era amore neanche prima?
Jhonny non riusciva a capire, ormai dubitava di tutte le altre. Non capiva perchè ogni volta tutto sembra perfetto e poi è solo un sogno che si trasforma in un incubo.
Jhonny capì che per ottenere qualcosa bisogna sempre sacrificare qualcosa, anche il denaro (riferito ovviamente alla birra). Più paghi e più si hanno soddisfazioni.
Così egli arrivo ad una conclusione:" La vita è una troia: più la paghi e più ti soddisfa"!

11 commenti:

  1. tipici pensieri da dopo-sbronza

    RispondiElimina
  2. Jack, se l'amore dura poco, non è mai stato vero amore!

    RispondiElimina
  3. Buongiornoooooooo!
    Quanto tempo.. :)
    Io preferisco pensare che tutto co' che metti in gioco e' tutto cio' che ci ritorna..piu' dai, piu' ricevi!

    RispondiElimina
  4. @Ale: ma anche da dopo-delusione :)

    @stella: e se dura tanto e finisce? è stato amore oppure no?

    @ossidiana: weee, ciaooo :)
    In parole più "pulite" hai detto ciò che voleva dire Jhonny con la sua frase :)

    RispondiElimina
  5. Evidentemente qualcosa non ha più funzionato...monotonia? incomprensione? passione per qualcuno/a?...

    RispondiElimina
  6. Se sei una troia o meno non lo so ..
    So solo che tutto ha una fine, spesso l'amore non basta :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao carissimo ti ricordi di me?
    Sono tornataaaa!!
    Un abbraccio forte con il cuore :)

    RispondiElimina
  8. @stella: secondo me il vero Amore dovrebbe essere al di sopra della monotonia, delle incomprensioni, delle passioni per altre persone.
    Se finisce non è mai stato amore, forse O.o

    @noti: hai per caso aperto il blog con explorer? Se la risposta è SI allora è probabile che l'applicazione del maghetto Merlino te la riconosce come virus ma non lo è. Ciao, magari torna utilizzando Mozilla :P

    @NYY: io non lo sono di sicuro. ahahah :) Cmq hai ragione sul fatto che tutto ha una fine ma è anche vero che tutto si trasforma. Magari l'Amore si cela sotto altri aspetti... chi lo sa ;)

    @Eclisse: Ciaoooo, certo che mi ricordo. Ricambio l'abbraccio e spero di ritrovarti presto. Ciao

    RispondiElimina
  9. Amare è facile,
    confessarlo è difficile,
    dimenticare è impossibile
    ....................Semplicemente

    RispondiElimina
  10. @Semplicemente:
    Anche per me è così, ma per molti penso che le cose vadano così:

    Amare è difficile
    Confessarlo è facile
    Dimenticare è facilissimo
    .................. jack :)

    RispondiElimina

jackblog

Informazioni su JACK